Irreperibile il padre del 15enne che ha confessato di aver fatto partire per errore il colpo fatale a Pietro Spineto. Ma l’uomo non è ricercato

TORRE DEL GRECO – La madre di tutti i misteri nella tragica vicenda è la sparizione della pistola, l’arma da cui è partito il colpo fatale a Pietro Spineto. L’amico 15enne, indagato per omicidio colposo, ha ribadito agli inquirenti di averla lasciata sul posto, in vico Bufale a Torre del Greco. Presumibilmente, si tratta di una calibro 7.65, come lascia intendere il bossolo trovato sul luogo del delitto. Per adesso, la pista resta quindi quella di una morte accidentale. Sono stati sottoposti ad esame stub sia il minore che la vittima, e l’esame è stato effettuato anche sui vestiti di entrambi. I risultati si conosceranno entro la settimana. Non è stato invece possibile sottoporre all’esame il padre del 15enne, irreperibile da ieri. L”uomo, più volte denunciato in passato, non è però ricercato.

 

Condividi sui social network
  • gplus
  • pinterest