Giugliano, banda di 11 minorenni violentava un 13enne disabile

Per otto dei presunti responsabili, sugli undici totali, è stato disposto l’accompagnamento in comunità

Gli autori sono stati individuati dai carabinieri a seguito di una denuncia sporta dalla madre della vittima lo scorso gennaio. Un ragazzino di 13 anni costretto a subire violenze sessuali di gruppo ripetute nel tempo. Il 13enne, che soffre di un leggero disturbo nell’apprendimento, era vessato da una banda composta da 11 minori, tre dei quali non hanno ancora compiuto 14 anni. Molteplici gli episodi, l’ultimo dei quali risalirebbe a gennaio scorso. Per otto dei presunti responsabili è stato disposto l’accompagnamento in comunità. Gli altri tre, non ancora 14enni, non sono imputabili. Da quanto emerge dalle indagini, le violenze sarebbero avvenute in più luoghi del centro storico di Giugliano. Uno degli episodi di violenza sarebbe avvenuto nel bagno, aperto al pubblico, di un campo di calcetto che si trova nel quartiere Camposcino accanto alla parrocchia di San Marco. Il campetto è in uso pubblico e non è gestito dalla parrocchia. Alcuni dei violentatori verrebbero da famiglie disagiate. Si ritiene che il ragazzino fosse vittima degli abusi del branco da alcuni anni.

Condividi sui social network
  • gplus
  • pinterest