Fondo pmi e taglio indennità politiche, le proposte M5s a De Luca

Il pacchetto di misure di sostegno economico: agevolare la riconversione di aziende nella produzione di dpi, risorse agli affittuari e ai comuni per lo stop alle imposte, integrare i buoni pasto del governo

Misure di sostegno economico, il gruppo regionale del M5s annuncia la sua iniziativa. “Nel segno della massima collaborazione e – dichiara il capogruppo regionale Valeria Ciarambino -, in risposta all’appello dei giorni scorsi del governatore De Luca, che ha invitato tutte le forze politiche e della società civile a elaborare contributi per sostenere chi è in difficoltà economica, come Gruppo regionale M5s abbiamo presentato un pacchetto di proposte tese a porre un argine al crescente disagio sociale. A cominciare dal sostegno alla liquidità di piccole medie imprese e Partite Iva, attraverso l’istituzione di un fondo per l’accesso al credito a interessi zero, finanziato con fondi Por-Fesr 2014-2020. La Regione potrebbe inoltre attivarsi nell’agevolare la riconversione di aziende nella produzione di dispositivi di protezione sanitari, prevedendo nel contempo forme di indennizzo per i settori maggiormente colpiti da questa emergenza, dal comparto lattiero-caseario alle filiere agricola e agroalimentare. Andrebbe quindi fatta una ricognizione delle categorie di lavoratori esclusi da ogni sussidio, agendo con ulteriori misure di sostegno”. Le misure chieste dei 5 stelle non si fermano qui.
“Proponiamo inoltre – prosegue Ciarambino – l’istituzione di un contributo di solidarietà alimentato con il taglio delle indennità, a vario titolo, di presidente della Regione, membri della giunta e consiglieri regionali, di un fondo da erogare ai Comuni per la sospensione delle imposte locali e di un fondo per chi è nell’impossibilità di pagare l’affitto. La Regione, infine, potrebbe integrare l’ordinanza del Governo che stanzia 400 milioni ai Comuni per distribuire aiuti alimentari, con un fondo che può essere incrementato con donazioni private”. Si tratta di “proposte – sottolinea il capogruppo – che abbiamo inoltrato al governatore, in risposta al suo stesso invito. In queste stesse ore abbiamo chiesto al presidente del Consiglio regionale la convocazione urgente della Conferenza dei capigruppo, con la partecipazione dello stesso presidente della giunta regionale. Siamo sempre più convinti che solo unendo energie e idee, mettendo così tutti in condizione di fare la loro parte, possiamo vincere questa sfida”.

Condividi sui social network
  • gplus
  • pinterest