Caso Quarto, De Luca sfida Grillo e Saviano: “Confronto pubblico su trasparenza”

Il blogger Ferrillo, espulso dal M5S: “Di Maio ci mette la faccia solo quando le cose vanno bene”

NAPOLI – Prima un affondo a margine di un incontro a Pozzuoli. “Occorre per i grillini parlare chiaro. Per gli amici del Movimento Cinque Stelle il tempo del propagandismo e dell’infantilismo è finito. Facciamo le persone serie! Risolviamo le questioni. Togliamo dalla testa degli amici di Cinque Stelle che ogni mattina si alzano e attribuiscono patenti di moralità a destra e a manca. Non le accetto da nessuno”. Poco dopo Vincenzo De Luca, agli acerrimi rivali del M5S, dedica anche un post su Facebook.
“Estendiamo a Beppe Grillo l’invito, già rivolto senza esito a Luigi Di Maio, a un confronto pubblico sui temi della trasparenza e della correttezza amministrativa. Dove e quando vogliono”. E già che si trova, si rivolge ad un altro avversario. “Premesso che la Regione sottopone i propri atti all’Autorità Anticorruzione di Raffaele Cantone e che siamo una ‘casa di vetro’ – aggiunge – rivolgiamo lo stesso invito, se fosse libero dai salotti televisivi, anche a Roberto Saviano”. All’attacco del movimento 5 stelle muove anche Angelo Ferrillo, blogger della Terra dei fuochi che a maggio fu espulso dai pentastellati. “È singolare come Luigi Di Maio  – afferma l’attivista – ci metta la faccia solo quando le cose vanno bene, mentre alle prime difficoltà oggettive latita e fugge dalle Tv. Da quando è scoppiato il caos a Quarto, nei Tg non si vede una sua intervista in diretta nemmeno a pagarla oro. Solo note di comunicati lette dai cronisti su immagini di repertorio. Cosa ha da temere il vice presidente della Camera?  Nel Movimento si espellono persone perbene ma poi si fanno accordi opachi per il potere proprio come i peggiori partiti”.

Condividi sui social network
  • gplus
  • pinterest