L’uomo accusato di violazione di misura cautelare del divieto di avvicinamento, furto, lesioni, resistenza a pubblico ufficiale e lesioni aggravate

Stanotte una volante è intervenuta al Corso Meridionale dove era stata segnalata una violenta lite in famiglia. Ad Afragola gli agenti del locale commissariato di Pubblica Sicurezza hanno arrestato M.T., di 60 anni, accusato di violazione di misura cautelare del divieto di avvicinamento, furto, lesioni, resistenza a pubblico ufficiale e lesioni aggravate.

Appena arrivati i poliziotti hanno notato l’uomo che inveiva contro la moglie cercando anche di aggredirla.

Il tentativo di ricondurre alla calma la situazione non è bastato al 60enne che, prendendo a calci e pugni anche gli agenti, ha tentato nuovamente di raggiungere la consorte.

Bloccato definitivamente, dopo alcuni minuti sono sopraggiunti i figli di cui uno con una mano ferita. Quest’ultima provocata sempre dal 60enne che, dopo aver derubato un telefono cellulare, aveva litigato con uno dei figli ferendolo con una forbice.

M.T. è stato arrestato e condotto presso la casa circondariale di Poggioreale.

Condividi sui social network
  • gplus
  • pinterest