Zucconi su Twitter: “A Napoli il Movimento 5 Stelle vince nei quartieri della camorra”

Dure proteste contro l’editorialista di Repubblica

Vittorio Zucconi, notissimo editorialista del quotidiano Repubblica e direttore di Radio Capital è finito nell’occhio del ciclone per un post su Twitter in merito alla massiccia affermazione del Movimento 5 Stelle in alcuni quartieri popolari di Napoli.  “Voti M5S nei collegi napoletani più a rischio Camorra: Barra 65,3%; Scampia 65,2%; Pianura 61,0%; Secondigliano 60,3%.” – scrive Zucconi, ipotizzando un voto pilotato dalla criminalità organizzata in favore dei pentastellati. La criminalizzazione di quartieri popolari  e operai da sempre roccaforti rosse della sinistra partenopea. Il post di Zucconi ha scatenato dure reazioni e proteste sul noto social media. Proteste che probabilmente si estenderanno nelle prossime ore.

 

La pagina Twitter dell’editorialista del giornale di Carlo De Benedetti è stata inondata di post di indignatissimi elettori, cittadini napoletani.  “E allora Zucconi? Quando quei voti li prende De Luca è tutto a posto, vero?” – scrive Erminia. “Eppure sembri una persona intelligente – scrive un altro lettore –  No non ti seguo più, io elettore di sinistra ho votato potere al popolo, non potevo votare il pd. Il PD a Napoli è sparito per gli scandali, perché nella sanità comprava i voti con l’aiuto della camorra, nun t’o scurdà!”. Dura la risposta di Renato Romano: “Questo post lo  trovo offensivi e non poco. Sono un abitante di Secondigliano e iscritto al M5S e non sono un camorrista!”. Dura la reazione di Antonella: “Come si permette? Conosco persone squisite nei quartieri da Lei menzionati, e le confermo che sono distanti anni luce dalla camorra. Credo che lei stia letteralmente rosicando”. “Sono di Napoli. Questa tua affermazione mi fa capire che non solo sei la vergogna dei giornalisti ma sei anche intimamente razzista” – scrive un arrabbiatissimo Fabrizio Bucchignani. Pungente il commento di Cristina Correani: “Infatti il Pd ormai lo votano solo nei quartieri residenziali, tipo i Parioli a Roma. Il fatto che nelle zone più disagiate non si fidino più dei partiti è un brutto segnale, per la politica tradizionale”.

 Il post di Zucconi è francamente fuori luogo, offende migliaia di cittadini partenopei che hanno liberamente pensato,  votato senza condizionamenti di sorta e bocciato un sistema di potere.  Migliaia di cittadini vittime delle  politiche e delle leggi antipopolari approvate negli ultimi 20 anni dai governi di centro destra e di centro sinistra che hanno penalizzato pesantemente il Meridione, cancellato i  diritti collettivi, prodotto precarietà e disoccupazione.

                                                                                                                  Ciro Crescentini  

Condividi sui social network
  • gplus
  • pinterest