Blitz dei finanzieri a Roma e a Napoli:sequestrate 23 fabbriche clandestine

 

Sgominata organizzazione criminale, accumulati oltre 8 milioni di profitti

I militari del Comando provinciale della Guardia di Finanza di Roma insieme al reparto Gruppo Pronto Impiego di Napoli, coordinati   coordinati dai Sostituti Procuratori presso la Direzione Distrettuale Antimafia partenopea Catello Maresca e Francesco De Falco, hanno eseguito nel capoluogo partenopeo 12 arresti(9 domiciliari e 3 obblighi di dimori)  nei confronti dei componenti di una vera e propria organizzazione criminale impegnata nella produzione e vendita di capi falsi di abbigliamento e calzature simili ai marchi originali.

Sequestrati 500 mila prodotti tra calzature, capi di abbigliamento, etichette e tessuti contraffatti dei noti marchi Dolce & Gabbana, Alessandrini, Gucci, Fendi, Liu-Jo, Louis Vuitton, Burberry, Armani e Hogan, tutti di altissima qualità, 313 macchinari di ultima generazione e 36 cliche’ rinvenuti in laboratori clandestini dislocati a Napoli e provincia. Le indagini hanno percorso a ritroso la “filiera del falso”, anche grazie ad  indagini tecniche  permettendo di ricostruire l’illecito traffico, dalla vendita al dettaglio, effettuata sulle piazze e quartieri rionali della Capitale e del sud-Italia, fino ai 23 laboratori clandestini.

Il sodalizio, specializzato nel “falso” era composto da 65 soggetti, tutti italiani, tra cui anche 12 donne, ove ognuno aveva un compito ed una professionalità specifica, come ad esempio le sarte, le ricamatrici, i rivettatori, i tagliatori, i trasportatori e gli addetti alle vendite; un sistema ben collaudato che, nel solo periodo di durata delle indagini, ha permesso di accumulare  profitti per oltre 8 milioni di euro.

Condividi sui social network
  • gplus
  • pinterest