Un documento del ministero delle finanze sulla stampa tedesca: “Nulla per rafforzare la fiducia”

BRUXELLES – “Proposte poco credibili. Diremo ai colleghi greci che non hanno fatto nulla per rafforzare la fiducia”. Ancora una volta la mannaia di Berlino piomba sul negoziato tra Atene e la Troika. Mentre sul piano da 12 miliardi presentato da Tsipras, approvato dal parlamento greco, sta per iniziare la discussione all’Eurogruppo. Ma la posizione tedesca viene svelata dalla Frankfurter Allgemeine Zeitung, citando un documento del ministero delle Finanze tedesco. Addirittura, Berlino non esclude un Grexit a tempo, della durata di 5 anni, per permettere alla Grecia di ristrutturare il suo debito. Una rigidità che non stupisce, confermata dalle parole del “falco” Schäuble, ministro delle Finanze: “Non vedo come potremo raggiungere facilmente un accordo: il Governo greco ha fatto di tutto per minare la fiducia. Sappiamo  – aggiunge – che un taglio del debito pubblico non è possibile secondo i Trattati”. Insomma, Berlino non ritiene ancora sufficiente il documento di Atene per sbloccare gli aiuti da 74 miliardi di euro per evitare il default greco. A pochi minuti dall’inizio della riunione dei ministri finanziari, il presidente dell’Eurogruppo Jeroen Dijsselbloem anticipa che “sarà un incontro abbastanza difficile, ancora non ci siamo, ci sono molte critiche alle proposte greche sulla sostanza e un grosso problema di fiducia”. Secondo fonti Ue, tuttavia, l’ipotesi di un’uscita temporanea della Grecia dall’euro sarebbe “legalmente infattibile e senza senso”.

 

Condividi sui social network
  • gplus
  • pinterest