Un milione di under 35 a rischio dipendenza dai social media

Campani, umbri e siciliani i più dipendenti

Nal nostro, circa 1,1 milioni di under 35 anni hanno un elevato rischio di dipendenza dai social media

È quanto emerge da una ricerca realizzata dall’istituto Demoskopika. Secondo l’indagine, queste persone (430mila tra i 18 e i 23 anni, 390mila tra i 24 e 29 anni e 308mila tra i 30 e i 35 anni) hanno un rapporto problematico con i social: hanno bisogno di usarli sempre di più, nonostante i tentativi non riescono a smettere di impiegarli, hanno comportamenti ansiosi o agitati legati al mancato utilizzo e sacrificano ore di studio o di lavoro per dedicarvisi.

Secondo l’istituto, inoltre, l’impatto dei social è sempre più pervasivo e i rapporti intermediati superano quelli vis a vis: la maggior parte degli intervistati ha dichiarato di usare tutti i giorni i social (85,7%) o un personal computer (79,8%). Per circa quasi 7 giovani su 10 prevale l’ascolto di musica oppure la fruizione dei contenuti televisioni principalmente attraverso le piattaforme digitali (67,4%). Al contrario, solo il 36,7% dei giovani vede di persona quotidianamente gli amici e appena il 17,3% trascorre il tempo libero con parenti e familiari.

Secondo l’indagine, tra le regioni sono Sicilia, Campania e Umbria ad avere il più alto tasso di giovani a rischio dipendenza.

Condividi sui social network
  • gplus
  • pinterest