“Shoah lezione perenne”. Storica visita di Francesco alla sinagoga

Bergoglio è il terzo papa ad entrare nel tempio ebraico di Roma: “La violenza dell’uomo sull’uomo è incompatibile con qualunque religione”

ROMA – “La violenza dell’uomo sull’uomo è incompatibile con qualunque religione, tantomeno con le tre grandi fedi monoteistiche. La vita è sacra, dobbiamo portare avanti la logica della pace e del perdono”. E’ un giorno storico per il dialogo interreligioso. Francesco è il terzo papa in visita alla Sinagoga di Roma dopo Giovanni Paolo II, il 13 aprile 1986, e Benedetto XVI il 17 gennaio del 2010. Il pontefice ribadisce: “No a ogni forma di antisemitismo, voi ebrei siete i nostri fratelli e le nostre sorelle maggiori nella fede, come già disse Giovanni Paolo II”. Francesco ripercorre: “Il popolo ebraico, nella sua storia, ha dovuto sperimentare la violenza e la persecuzione, fino allo sterminio degli ebrei europei durante la Shoah. Sei milioni di persone, solo perché appartenenti al popolo ebraico – rammenta – sono state vittime della più disumana barbarie, perpetrata in nome di un’ideologia che voleva sostituire l’uomo a Dio. La Shoah ci insegna che occorre sempre massima vigilanza, per poter intervenire tempestivamente in difesa della dignità umana e della pace”.

Giunto a Largo XVI ottobre, il papa è stato accolto dal presidente della Comunità ebraica romana, Ruth Dureghello, dal presidente dell’Unione delle Comunità ebraiche italiane (Ucei), Renzo Gattegna, e dal presidente della Fondazione Museo della Shoah, Mario Venezia. Francesco ha deposto i fiori sulla lapide che ricorda la deportazione degli ebrei romani nel 1943 e ha percorso poi Via Catalana, fino all’effige in ricordo di Stefano Gai Taché, il bambino ucciso nell’attentato terroristico del 1982. Anche qui ha deposto una corona di fiori e incontrato la famiglia Taché e i feriti nell’attentato. Quindi ha raggiunto a piedi il Tempio Maggiore: sulla scalinata l’incontro con il Rabbino Capo di Roma Riccardo Di Segni. Insieme l’ingresso nella Sinagoga.

Condividi sui social network
  • gplus
  • pinterest