Scandalo Lapo Elkann: simula sequestro, arrestato a New York

Secondo i media americani il nipote di Gianni Agnelli avrebbe trascorso due giorni con una escort trans tra eccessi di alcol e droga. Finiti i soldi, avrebbe escogitato il piano del falso sequestro, raccontando ai propri familiari di essere trattenuto contro la sua volontà da una donna che gli avrebbe fatto del male se non gli avessero fatto pervenire 10mila dollari

L’accusa è di falsa denuncia. Lapo Elkann è stato arrestato e poi rilasciato dalla polizia di New York per aver simulato un sequestro allo scopo di ottenere dalla famiglia 10mila dollari dopo aver speso tutto il insieme a un escort con cui avrebbe fatto due giorni di bagordi a Manhattan consumando alcol e droga. La notizia è diffusa da tre testate Usa, citando fonti di polizia.

Stando a quanto riportato da New York Daily News, Daily Beast e Hollywwod reporter, il nipote di Gianni Agnelli e imprenditore nel mondo della moda sarebbe sbarcato a New York giovedì per la festa del Thanksgiving, contattando un escort trans di 29 anni e trascorrendo con due giorni di eccessi tra alcol, marijuana e cocaina. Finiti i soldi, l’escort avrebbe pagato per altra droga ed Elkann avrebbe promesso di restituire i soldi. Quindi Elkann avrebbe escogitato il piano del falso sequestro, raccontando ai propri familiari di essere trattenuto contro la sua volontà da una donna che gli avrebbe fatto del male se non gli avessero fatto pervenire 10mila dollari. Secondo la ricostruzione dei giornali americani, un rappresentante della famiglia si sarebbe quindi rivolto alla polizia, che avrebbe organizzato la finta consegna del denaro bloccando la coppia. Gli investigatori avrebbero accertato che l’idea era stata di Lapo, chiudendo il caso per la escort ma non per il 39enne imprenditore, al quale è stata consegnato una citazione davanti ad una corte. Nel 2005 Lapo Elkann fu salvato in extremis da una overdose di droga in un appartamento di Torino dopo una notte brava in compagnia di una transessuale.

(Foto Lapo Elkann/Fb)

Condividi sui social network
  • gplus
  • pinterest