Napoli, rogo ‘Venere degli Stracci’: il Gup conferma gli arresti domiciliari per Simone Isaia

Il suo legale Carla Maruzzelli aveva chiesto la revoca della misura dopo la condanna

Il Giudice dell’Udienza Preliminare, Linda Comella ha rigettato la richiesta di revoca degli arresti domiciliari per Simone Isaia il senzatetto di 32 anni condannato a quattro anni di reclusione in quanto ritenuto colpevole di avere incendiato, lo scorso 12 luglio, la “Venere degli Stracci”, l’opera di Michelangelo Pistoletto installata in piazza Municipio, a Napoli.

Avvocato Carla Maruzzelli


Nella sua richiesta di giudizio abbreviato l’avvocato Carla Maruzzelli, legale di Isaia, ha ribadito l’innocenza del 32enne e anche sottolineato un aspetto che ha ritenuto importante circa le cause dell’incendio: all’interno della struttura, ha scritto l’avvocato nella sua istanza, i vigili del fuoco hanno rinvenuto due latte: una di vernice e una di solvente. La lattina di solvente senza tappo completamente evaporata.

CiCre

Condividi sui social network
  • gplus
  • pinterest