Napoli, 2 mila persone dormono per strada. Il M5s a de Magistris: “Accogliamole nella Mostra d’Oltremare”

La situazione sta diventando insostenibile poiché sono troppi i richiedenti ed è difficile mantenere l’ordine e le distanze di sicurezza. Alcune delle mense hanno addirittura chiuso per la difficoltà di gestire la situazione come quelle di San Tarcisio e di Santa Chiara

L’emergenza Coronavirus ha messo in risalto una questione seria e drammatica. Duemila persone a Napoli non possono stare a casa perché la casa non ce l’hanno. I numeri. Chi una casa non ce l’ha come può rispettare i decreti emanati dal Governo? Un senza dimora ha solo due opzioni: stare bene o stare male, nel mezzo non ci sono tutele, la quarantena non la può fare nei centri di accoglienza, servono strutture dedicate.  I consiglieri comunali del Movimento 5 Stelle Marta Matano e Matteo Brambilla hanno chiesto al sindaco di Napoli, Luigi de Magistris di attivare adeguate iniziative per trovare un tetto ai senza dimora. “Come ogni in ogni situazione di emergenza – spiegano – le fasce più deboli della popolazione sono quelle che soffrono di più. E anche a Napoli si sta verificando una drammatica emergenza in tal senso, nonostante tutti i proclami di accoglienza e di assistenza effettuata a 360 gradi 24 ore su 24. In città abbiamo solo 250 posti letto per i senza tetto ma essi sono più di 2000, così come riferito oggi dal Tg3 delle ore 14. Chi non riesce a trovare posto dorme per strada, oltre 1400 persone si recano alle mense della Caritas per un pasto caldo. Ma la situazione sta diventando insostenibile poiché sono troppi i richiedenti ed è difficile mantenere l’ordine e le distanze di sicurezza. Alcune delle mense hanno addirittura chiuso per la difficoltà di gestire la situazione come quelle di San Tarcisio e di Santa Chiara. I pasti caldi non vengono più somministrati e per praticità sono distribuiti solo pasti cestini“. “Nonostante le richieste da parte dei volontari – sottolineano gli esponenti  pentastellati – nulla si è mosso e c’è il rischio che la situazione peggiori con aggravamento delle situazioni anche igienico-sanitarie. Chiediamo all’amministrazione comunale di terminare il suo letargo e attivarsi immediatamente per assistere poveri e senza-tetto e i generosi volontari che si impegnano senza sosta. Le strutture ci sono: i padiglioni della Mostra d’Oltremare, che è una azienda partecipata del Comune di Napoli, ben potrebbero essere attrezzate con le brandine, al loro interno i servizi igienici ci sono e possono essere incrementati con bagni chimici. All’interno della Mostra d’Oltremare ci sono anche dei ristoranti che potrebbero potrebbe preparare pasti caldi da distribuire grazie ai volontari”. Assistere i più deboli – concludono Matano e Brambilla – e svolgere controlli di ordine pubblico continui e efficaci, senza dover ricorrere a misure – falsamente – estreme, come sostengono gli sceriffi del momento, significa controllare il territorio e far sì che l’emergenza abbia fine prima possibile. L’amministrazione comunale, che al momento sembra essere svanita nel nulla, quando darà un segnale in tal senso?”

Ciro Crescentini

Condividi sui social network
  • gplus
  • pinterest