Morte dj Fabo, assolto Cappato

Per la corte d’Assiste di Milano il fatto non sussiste. L’esponente radicale aveva accompagnato Fabiano Antoniani a morire in Svizzera nel febbraio 2017

“Il fatto non sussiste”. Con questa formula la corte d’Assiste di Milano ha assolto Marco Cappato dall’accusa di aiuto al suicidio di dj Fabo. L’esponente dei Radicali aveva accompagnato Fabiano Antoniani a morire in Svizzera nel febbraio 2017.

Al processo, oltre a Cappato, presente anche la fidanzata di dj Fabo, Valeria Imbrogno. “Quello che posso dire è che Fabiano oggi, insieme a me, avrebbe festeggiato perché è una battaglia in cui credeva fin dall’inizio. Una battaglia per la libertà di tutti”. A chiedere l’assoluzione il procuratore aggiunto Tiziana Siciliano nella requisitoria, durante la quale ha spiegato che nel caso ricorrono tutti e 4 i requisiti indicati dalla Consulta, nella sentenza sulla non punibilità dell’aiuto al suicidio.

Condividi sui social network
  • gplus
  • pinterest