Inchiesta Consip, carabiniere accusato di aver falsificato intercettazioni su Tiziano Renzi

Il capitano del Noe, Giampaolo Scarfato, avrebbe attribuito ad Alfredo Romeo la frase che provava l’avvenuto incontro fra l’imprenditore e il padre dell’ex presidente del Consiglio. Ma l’analisi dei nastri rivela che l’avrebbe pronunciata Italo Bocchino

La frase intercettata è “…Renzi l’ultima volta che l’ho incontrato”. Ma a pronunciarla non sarebbe stato l’imprenditore Alfredo Romeo bensì il suo consulente Italo Bocchino, al contrario di quanto risultava dall’informativa del Noe dei carabinieri. L’erronea circostanza sarebbe stata un indizio di un incontro fra l’imprenditore attualmente in carcere e il padre dell’ex premier, a sua volta indagato nell’ambito dell’inchiesta. Il capitano del Noe, Giampaolo Scarfato è indagato dalla procura di Roma per falso anche perché avrebbe accreditato erroneamente la tesi della presenza dei servizi segreti nel corso degli accertamenti. L’iscrizione nel registro degli indagati è avvenuta dopo l’analisi dei nastri. Interrogato oggi I’ufficiale si è avvalso della facoltà di non rispondere.

 

BOCCHINO: “MAI INCONTRATO TIZIANO RENZI” – “In riferimento a quanto riportato da
organi di stampa ho il dovere di precisare che non conosco e non ho mai incontrato Tiziano Renzi. La frase su ‘l’ultima volta che ho visto Renzì, che sarebbe stata pronunciata da me ed attribuita ad Alfredo Romeo, si riferiva presumibilmente all’ex Presidente del Consiglio Matteo Renzi e a valutazioni politiche del tutto estranee ai fatti dell’inchiesta”. Così l’ex parlamentare Italo Bocchino commenta la vicenda. “Ho incontrato Matteo Renzi – dichiara –  sempre e solo durante il mio mandato parlamentare, in occasione di dibattiti televisivi dove eravamo ospiti e, una volta, il 23 dicembre del 2011, al concerto di Abbado per l’inaugurazione del nuovo Maggio musicale fiorentino, dove avemmo occasione di scambiare normali convenevoli. Un contesto assolutamente lineare che fortunatamente sta emergendo in tutta la sua chiarezza”.

Condividi sui social network
  • gplus
  • pinterest