Germania, 27enne si fa esplodere vicino a concerto: 12 feriti. “Forse è kamikaze islamico”

L’episodio ad Ansbach. A saltare in aria un profugo siriano con problemi psichici

I media avevano parlato all’inizio di una fuga di gas, ma non era così. Invece l’esplosione ad Ansbach, vicino Norimberga, è stata causata da un uomo che si è fatto saltare in aria. Il bilancio è di un morto e 12 feriti. La deflagrazione è avvenuta davanti ad un ristorante, poco dopo le 22. A farsi esplodere è stato un profugo siriano di 27 anni che soffriva di disturbi psichici. L’attentato potrebbe avere una matrice islamica. A rivelare i dettagli è il ministro dell’Interno bavarese, Joachim Herrmann, in una conferenza stampa. La domanda d’asilo dell’uomo era stata respinta un anno fa, ma gli era stato concesso di continuare a vivere in Germania con un permesso di soggiorno provvisorio a causa del conflitto in Siria. Ieri sera il siriano aveva cercato di entrare nell’area in cui si svolgeva il concerto ed era stato bloccato dagli addetti alla sicurezza perché senza biglietto. All’evento musicale erano presenti 2500 persone.

“Il chiaro obiettivo di uccidere più persone – ha detto Hermann – perlomeno rimanda a una matrice islamica”. Al momento però non ci sono altri indizi. Il 27enne aveva tentato il suicidio due volte ed era stato ricoverato in un ospedale psichiatrico. Il contenuto del suo zainetto sarebbe stato sufficiente a uccidere molta gente. Nell’ordigno sarebbero stati messi anche pezzi di metallo, simili a utensili per la lavorazione del legno.

Condividi sui social network
  • gplus
  • pinterest