Funivia Stresa-Mottarone, le vittime salgono a 14: morto anche uno dei due bimbi ricoverati. L’altro è grave

Impianto sequestrato dalla Procura, si indaga per omicidio colposo plurimo

Una tragedia. Salgono a 14 le vittime del grave incidente alla funivia Stresa-Mottarone, in provincia di Verbania, dove una cabina è caduta in uno dei punti più alti del percorso. E’ morto anche il bimbo di 9 anni, inizialmente ricoverato all’ospedale Regina Margherita di Torino. Il piccolo, era stato intubato in Rianimazione e alla fine non ce l’ha fatta mentre un altro piccolo, di 5 anni, è in condizioni critiche.

Le vittime – Biran Amit, nato in Israele il 2 febbraio 1991 e residente a Pavia; Peleg Tal, nato in Israele il 13 agosto 1994 e residente a Pavia; Biran Tom, nato a Pavia il 16 marzo 2019 e residente a Pavia; Cohen Konisky Barbara, nata in Israele l’ 11 febbraio del 1950; Shahisavandi Mohammadreza, nato in Iran il 25 agosto 1998, residente a Diamante (Cosenza); Cosentino Serena, nata a Belvedere Marittimo (Cosenza) il 4 maggio del 1994 e residente a Diamante (Cosenza); Malnati Silvia, nata a Varese il 7 luglio del 1994, residente a Varese; Merlo Alessandro, nato a Varese il 13 aprile del 1992, residente a Varese; Zorloni Vittorio nato a Seregno, Milano, l’8 settembre del 1966, residente a Vedano Olona (Varese); Gasparro Angelo Vito, nato a Bari il 24 aprile 1976, residente a Castel San Giovanni (Piacenza); Pistolato Roberta, nata a Bari il 23 maggio del 1981, residente a Castel San Giovanni (Piacenza).

La Funivia è stata sequestrata – La Procura di Verbania ha disposto il sequestro della funivia del Mottarone. Lo rende noto il tenente colonnello Giorgio Santacroce, comandante del Nucleo operativo dei carabinieri di Verbania. “Le operazioni di recupero delle vittime sono in corso, come le attività tecniche di repertamento propedeutiche alle indagini“, spiega l’ufficiale della Benemerita. Per ora procediamo per omicidio colposo plurimo e lesioni colpose, dobbiamo verificare anche la fattispecie dei reati di attentato alla sicurezza dei trasporti, anche in base alla natura pubblica o meno dell’impianto”.

Si indaga per omicidio colposo plurimo – “Per ora procediamo per omicidio colposo plurimo e lesioni colpose, dobbiamo verificare anche la fattispecie dei reati di attentato alla sicurezza dei trasporti, anche in base alla natura pubblica o meno dell’impianto”. Lo ha spiegato il procuratore di Verbania, Olimpia Bossi. “L’intera area è stata posta sotto sequestro, cominceremo dai rilievi tecnici per accertare le cause dell’incidente”, ha aggiunto.

La ricostruzione del Nucleo operativo dei carabinieri di Verbania –C’è un cavo tranciato, gli altri sono intatti, ma le questioni tecniche competono ad altri“. Lo dice il tenente il colonnello Giorgio Santacroce, comandante del Nucleo operativo dei carabinieri di Verbania. “Al momento non risultano problemi di manutenzione – aggiunge – ma faremo tutti gli accertamenti possibili”. Secondo la prima ricostruzione, “il cavo portante si è staccato all’altezza dell’ultimo pilastro – spiega – e, nonostante dovrebbero esserci dispositivi di sicurezza, la cabinovia si è staccata”. Un volo di una quindicina di metri, in seguito al quale “la cabina è rotolata a valle, finendo la corsa contro gli alberi”.

Condividi sui social network
  • gplus
  • pinterest