Firenze, riconosciuta dal tribunale a due padri gay la prima adozione in Italia

La storia è quella di due fratellini che sono stati adottati da due uomini, cittadini italiani, nel Regno Unito, dove risiedono da anni. Il Tribunale dei minori di Firenze ha disposto la trascrizione anche in Italia dei provvedimenti emessi dalla competente Corte britannica

La storia è quella di due fratellini che sono stati adottati da due uomini, cittadini italiani, nel Regno Unito, dove risiedono da anni. Il Tribunale dei minori di Firenze ha disposto la trascrizione anche in Italia dei provvedimenti emessi dalla competente Corte britannica: ai bambini viene così riconosciuto lo status di figli e la cittadinanza italiana. Lo storico atto non sancisce il diritto, per una coppia omosessuale a una stepchild adoption, nella quale un partner adotta il figlio biologico dell’altro, ma un’adozione comunemente intesa, in cui i figli non hanno alcun legame biologico con nessuno dei genitori adottanti. In Italia è stata riconosciuta oggi, per la prima volta da un tribunale. La notizia è diffuda dall’avvocatura per i diritti Lgbti – Rete Lenford, organizzazione che ha rappresentato, con l’avvocata Susanna Lollini, i due padri nel giudizio.

Condividi sui social network
  • gplus
  • pinterest