Di Maio: “Nave Alex manda in onda show di speculazione politica sulla pelle dei migranti”

 La nave Alex non ha intenzione di andare a Malta

Sulla pelle dei migranti sta per andare  in onda un’altra commedia, un altro spettacolo. Protagonisti una nave dell’Ong Mediterranea, il ministro dell’Interno Matteo Salvini, il governo maltese, l’Europa, parlamentari dell’opposizione pronti a salire a bordo per fare “dirette facebook” o selfie. Le vittime? 54 migranti salvati ieri in acque internazionali dalla Nave “Alex” di proprietà dell’Ong Mediterranea ferma a largo di Lampedusa. “La ong Mediterranea e’ l’ennesima dimostrazione che ormai le ong hanno trovato il loro palcoscenico: vanno nella acque Sar libiche, prendono delle persone che potrebbero essere salvate dalla Marina libica, se le mettono in barca, vengono in Italia e iniziano lo show sulla pelle di questi poveri disperati. Stiamo parlando di cinquanta persone su una barca a vela, sono incoscienti questi delle ong. Malta ha dato disponibilita’ ed e’ giusto che vadano a Malta” – Non usa mezzi termini il vicepremier Luigi di Maio  a margine della visita al villaggio della Coldiretti a Milano. “È chiaro che è un grande show di speculazione politica, c’è chi se ne avvantaggia dicendo ‘no alle entrate’ e c’è chi se ne avvantaggia dicendo ‘vogliamo entrare” – aggiunge  Di Maio – I parlamentari del Pd si stanno già mettendo il costume per tornare su quest’altra nave, io mi sono un po’ stancato di sentire parlare di Ong e di questioni legate alle Ong che vogliono entrare nelle nostre acque quando potrebbero andare a Malta, quando invece in Italia abbiamo ancora un grosso problema di imprese, di lavoro, e lo stiamo affrontando”.

LA NAVE ‘ALEX’ VUOLE ENTRARE NEL PORTO DI LAMPEDUSA – Alle 4 di stamattina la nave Alex di Mediterranea è arrivata al limite delle acque territoriali italiane, a 12 miglia da Lampedusa. Il portavoce di Mediterranea Saving Humans, Alessandra Sciurba fa sapere via Twitter che “la condizione di donne, bambini e uomini a bordo della Alex, ancora bloccata al largo di Lampedusa, si sta rapidamente deteriorando. La concessione di un porto sicuro di sbarco è urgente. Sole a picco, niente cibo. E nessuna nave di Malta per il trasbordo.  L’unica proposta che ci è arrivata finora, cioè raggiungere autonomamente il porto di La Valletta, è semplicemente infattibile. Non ci sono le condizioni di sicurezza perchè questa barca a vela di 20 metri con 54 naufraghi soccorsi più 11 persone di equipaggio possa affrontare almeno 11 ore di navigazione. Si sta anche alzando lo scirocco”. Probabilmente  nelle prossime ore la Nave di proprietà Mediterranea attuerà una forzatura ed entrerà nel porto di Lampedusa.

SALVINI: “SE MEDITERRANEA NON SBARCA A MALTA E’ ATTO DI PIRATERIA“- “Gli amici di Malta hanno dato la disponibilità del porto di Valletta per lo sbarco. Basta. E’ evidente che si tratta di un atto di pirateria in questo caso. In questo caso, aggiunge Salvini, non ci sono “di mezzo la Libia o la Tunisia, ma il porto di un Paese europeo” – ha affermato il vicepremier Matteo Salvini ai microfoni di Gr1 su Radio1.

Condividi sui social network
  • gplus
  • pinterest