Consiglieri gratis in tribuna d’onore mentre De Laurentiis non paga 3,5 mln di debiti

Nell’occhio del ciclone i vertici di Palazzo San Giacomo

Il direttore generale del Comune di Napoli Attilio Auricchio distribuisce biglietti omaggio ai consiglieri comunali, agli assessori e ai presidenti delle municipalità per assistere le partite di calcio del Napoli in Tribuna Autorità allo Stadio San Paolo ma non fa chiarezza sulla convenzione e il contenzioso economico di   3,5 milioni di euro che  Aurelio De Laurentiis deve prioritariamente sanare con l’ente di Palazzo San Giacomo. Significativa la nota diffusa dal consigliere Diego Venanzoni del partito democratico. “E’ fuorviante e senza alcun fondamento la scelta, da parte del direttore generale del comune di Napoli, nella persona del dr. Attilio Auricchio, di concedere i biglietti omaggio ai Consiglieri Comunali in Tribuna Autorità allo stadio San Paolo di Napoli – afferma Venanzoni – Questo è accaduto ieri come si è appreso da una comunicazione inviata dal Cerimoniale del Comune ai Consiglieri”. Una procedura anomala, imbarazzante. “Allo stato – aggiunge – non è stato sottoscritto alcun atto convenzionale tra il Comune di Napoli e la Società sportiva calcio Napoli, pertanto non si comprende a che titolo i consiglieri, la Giunta ed i presidenti di Municipalità dovrebbero prendere posto in Tribuna Autorità, cosa è cambiato rispetto a pochi mesi fa? È un errore considerare il voto dell’aula e dunque la scelta di aderire alla convenzione come la soluzione tra le parti ed il via libera ad un rinnovato rapporto. A che titolo il Calcio Napoli farà il suo esordio sabato contro la Sampdoria? È stato sottoscritto qualche atto in questi giorni e non ne siamo a conoscenza? È doveroso ricordare che per perfezionare questo negozio giuridico come previsto, dalle elementari leggi che regolano i rapporti tra enti e soggetti morosi e come, peraltro, precisato dal voto dell’Aula, Aurelio De Laurentiis deve prioritariamente sanare il contenzioso economico che si aggirerebbe intorno ai 3.5 milioni di euro”. C’è un bonifico pervenuto in queste ore alle casse comunali di cui non si ha ancora notizia? Interrogativi questi ai quali il Direttore generale Auricchio e l’assessore allo Sport Borriello dovranno necessariamente dare risposta. Vi è una sola certezza: in assenza di una formale convenzione il Consiglio Comunale dovrà rinunciare ai biglietti omaggio, sarebbe una violazione formale ed una mancanza di rispetto verso i cittadini- elettori che ci hanno investito di questa delicata responsabilità”, conclude Venanzoni.  Ancora una volta l’amministrazione comunale “arancione” predica bene, esaltando e propagandando il cosiddetto “laboratorio-alternativo Napoli” ma razzola male, assumendo comportamenti, metodi di un ceto politico elitario che considera la trasparenza un optional, snobbando il senso dello Stato e gli interessi collettivi.

                                                                                                                              CiCre

Condividi sui social network
  • gplus
  • pinterest