Catanzaro, toghe sporche: sequestrati beni al magistrato Marco Petrini

Operazione della Guardia di Finanza di Crotone

La Guardia di finanza di Crotone ha sequestrato 61 mila euro all’ex presidente della seconda sezione della Corte d’Assise d’Appello di Catanzaro e della Commissione tributaria provinciale, ora sospeso, Marco Petrini, Emilio “Mario” Santoro, Francesco Saraco e Vincenzo Arcuri. Il provvedimento, emesso dal Gip di Salerno su richiesta della Dda, rientra nell’inchiesta “Genesi” che, secondo l’accusa, ha portato alla scoperta di svariati episodi corruttivi in atti giudiziari commessi da professionisti, imprenditori ed avvocati. Il gip ha disposto il giudizio immediato per l’udienza del 9 giugno davanti al Tribunale di Salerno. Petrini e gli altri erano stati arrestati il 15 gennaio scorso. Il sequestro giunge a conclusione di ulteriori indagini finalizzate a quantificare le somme di denaro corrisposte a titolo di corruzione a Petrini. In particolare sono stati sequestrati 10.988,37 a Petrini, 39.011,63 a Santoro, 10.000 a Saraco e 1.500,00 ad Arcuri.

Condividi sui social network
  • gplus
  • pinterest