Aborto, l’Onu contro l’Italia: “Garantire i servizi”

Il Comitato per i diritti umani si dice “preoccupato per le difficoltà di accesso agli aborti legali a causa del numero di medici che si rifiutano di praticare interruzione di gravidanza per motivi di coscienza”

“Lo Stato dovrebbe adottare misure necessarie per garantire il libero e tempestivo accesso ai servizi di aborto legale, con un sistema di riferimento valido”. Il Comitato per i diritti umani dell’Onu, nelle sue osservazioni sulla situazione italiana, si dice “preoccupato per le difficoltà di accesso agli aborti legali a causa del numero di medici che si rifiutano di praticare interruzione di gravidanza per motivi di coscienza”. Preoccupazione è espressa anche per la distribuzione in tutto il paese dei medici obiettori, e “il numero significativo di aborti clandestini”.

Condividi sui social network
  • gplus
  • pinterest