Un audio made in Napoli: “Combattiamo il virus e torniamo umani”

E’ un momento difficile per Napoli, l’Italia. Vogliamo, però, pubblicare la bellissima poesia, le bellissime parole della studentessa Tina Di Costanzo. Una “sollecitazione” per una seria riflessione collettiva sulla vita e provare a costruire uomini e donne “nuovi” e un mondo diverso


L’AUDIO DI TINA DI COSTANZO

T’ASTREGN FORT FORT (Ti stringo forte)

Teng nu poc e’ tiemp e ve scriv duje penzier

Ca’ m’abballn int’ a cap Fort fort già r’ajer

Scusate po’ dialett, ma i so’ napulitan

Sper Ca’ capisc o’ stess pur tu ca’ stai luntan

A television ha ritt :” È scuppiat a’ pandemia”

E mo voglio o nun voglio,so’ costrett a casa mia

C’è sta in giro nu virus ca pigl a tutt quant

Catarr,frev,tosse e te fa sentì assaje stanc

Nun può ascí,n’te può vasá manc a man te può da

E si incuntr a coccurun a luntan e’ salutà

È po’ ben nuost,pcchè stu mal è contagios

E mo tutt all’improvvis s’è fermat tutti cos

E mo comm facimm senza faticá?

Nuje tenimm e’ spes, e figli a ra a’ campá

Forz chistu mal è na maledizione

Pcchè l’essere umano s’ammert na lezion

Simm addiventat fridd e senza cor

Nun sapimm manc chiú comm se fa l’ammor

Egoisti,prepotenti e col cuore avaro

Tutti dritti in fila indiana solo dietro al Dio danaro

Tutt e juorn ce scetamm e currimm senza sosta

Pe ji a faticá, si pcchè purtropp a vita è tosta

Ma nun ce fermamm mai,manc nu minuto

E nel frattempo e figli crescn e già se n’è so jut

Currimm,currimm ma o tiemp è chiú veloce

Nun aspett,se ne va,accir e mett n’croce

E mo come per magia stu tiemp s’è fermat

Comm si è cammená se foss sfasteriat

Allora forze chistu mal Nun è na punizione

Ma è pe tutt quant na grandissima occasione

Ma nuje comm a tanta sciem ce sentimm carcerat

Comm si o’ Signor e nuje s’è già scurdat

Penzamm sul e’cos ca num putimm fa

E nun riuscimm a truvá o senz pe continuá a campá

Mo pavassm miliun pur pe na cretinata

A ji vicin o’ mar a ce fa na cammenata

Curressm mo mo pur int’ o cimiter

Annanz a chella fot a dicere na preghiera

A signor e rimbett,ca nisciun po’ verè?

Pur a ess invitassm a se pigliá o cafè

Nuj simm accussí,ramm tutto per scontato

E apprezzamm tutti sti cos sul pcchè ce l’hanno luat

Penzamm sul a puntá o rit “a colp è do cinese”

” No i ce l’agg a morte cu chilli francesi”

Perdit o tiemp a ve fa a guerr sciocchi esseri umani

Ma o’ sapit che non per sempre ci sarà un domani?

Questo male non risparmia, non fa eccezioni

Italiano, francese ,cinese, senza distinzione

Picció m’arraccumann pur a te ca’ si potente

Arricuordate Ca’ che sord Nun t’accatt proprio nient

Chesta situazione assurda e surreale

Ce serv pe’ capì Ca’ simm tutt tal e qual

E allor forza tutt quant m’barammece a’ campá

Primm ca’ o’ tiemp,nata vot accummenc a cammená

Parlammc,vasammec, prendiamoci le mani

Prendiamoci più cura dei bambini e degli anziani

Guardammec int’ a l’uocchi pur senza parlá

Pcchè forz è chist o senz pe’ continuá a’ campá

Scusate po’ dialett, ma i so’ napulitan

Ma t’astregn fort fort pur a te ca’ stai luntan.

                      Tina Di Costanzo

Tina Di Costanzo
Condividi sui social network
  • gplus
  • pinterest