“Napoli Purp Fiction”, racconti della sceneggiata. Il libro di Giancarlo Tommasone

Presentato presso la sede dell’Ordine dei Giornalisti della Campania

Nella sede dell’Ordine dei giornalisti della Campania si è tenuta la conferenza stampa di presentazione del libro “Napoli Purp Fiction” Da Mario Merola a Pino Mauro – I 10 film da vedere almeno una volta nella vita (Stylo24 Edizioni), scritto dal giornalista Giancarlo Tommasone.

A moderare l’incontro, il vicepresidente dell’Ordine dei Giornalisti della Campania, Mimmo Falco che ha sottolineato “l’importanza di un genere verace come la sceneggiata, che ha avuto il merito di arrivare direttamente al cuore di Napoli e dei napoletani, e che rappresenta una parte fondamentale della cultura partenopea”.


Stesso concetto ribadito dal regista Carlo Luglio, che con il suo documentario, “L’ultimo Fuorilegge“, ha prodotto un preciso ritratto della storia di Pino Mauro, uno dei protagonisti indiscussi, insieme al compianto Mario Merola, di alcuni dei film trattati da Tommasone nel suo volume. “Napoli Purp Fiction – ha spiegato l’autore del libro – oltre a raccontare delle pellicole di un filone che ritengo importante per la nostra cultura, vuole essere una operazione verità  per un genere per anni bistrattato e al quale bisogna continuare a restituire giustizia. Un genere che ho definito proto-pulp, e che a distanza di 50 anni focalizza ancora l’attenzione dello spettatore per le tematiche trattate e il pathos che trasmette, e ispira finanche cineasti di spessore internazionale. L’invito che rivolgo anche alle nuove generazioni, è quello di scoprire e di riscoprire la valenza di questi film”. “Il libro di Tommasone è un documento puntuale e soprattutto veritiero, di quel genere cinematografico tratto dalla sceneggiata“, ha detto Pino Mauro.

Tra i relatori i giornalisti Simone Di Meo e Marcello Altamura.

Condividi sui social network
  • gplus
  • pinterest