Universiadi, pioggia di medaglie dalle ragazze azzurre

I risultati di oggi: alle ginnaste Ferlito (oro) e Mori (argento) si aggiungono il nuoto, con l’argento della 4×200 stile libero femminile (Origlia, Caponi, Scarabrelli e Ongaro) e il bronzo di Silvia Scalia (100 dorso), e la scherma d’argento grazie alla squadra di spada (Marzani, De Marchi e Foietta). Nel medagliere l’Italia è sesta (24 medaglie). Cresce l’interesse del pubblico: 100mila biglietti venduti, entusiasmo alla Scandone (8mila presenze)

È tinta di rosa la domenica delle Universiadi di Napoli, con una pioggia di medaglie dalle ragazze azzurre. La copertina va alla ginnastica artistica, con l’oro di Carlotta Ferlito nel corpo libero e l’argento nella trave di Lara Mori.  Un entusiasmo travolgente, al PalaVesuvio di Ponticelli, accompagna le imprese delle ginnaste. Un’onda di calore che arriva alla piscina Scandone, dove sfiora l’impresa la 4×200 stile libero femminile, argento dietro gli Usa. Staccano anche la Russia le azzurre Origlia, Caponi, Scarabrelli e Ongaro. Dal nuoto arriva anche il bronzo di Silvia Scalia nei 100 metri dorso. La sprinter, In lotta per l’oro fino ai 75 metri, cede nel finale alle americane Berkoff e Haan. Quinto posto per Ilaria Cusinato nei 200 misti, senza bissare il bronzo dei 400 misti.

 

Al PalaUnisa, nel campus di Baronissi, la scherma regala ancora soddisfazioni. La squadra di spada femminile si arrende solo alla Russia in finale (45-40). Ma è comunque d’argento il terzetto composto da Roberta Marzani, Eleonora De Marchi e Nicol Foietta.

Con le medaglie di oggi l’Italia sale a quota 24 (4 ori, 8 argenti e 12 bronzi), al sesto posto. Primeggia il Giappone con 19 ori (40 medaglie totali) davanti a Usa e Cina. E i nipponici conquistano anche i primi ori assegnati negli sport di squadra, trionfando nel rugby a 7 maschile e femminile, grazie ai rispettivi successi su Sudafrica e Francia.

 

VENDUTI CENTOMILA BIGLIETTI. Centomila biglietti venduti ai quali si devono aggiungere le migliaia di Promo Card distribuite tra scuole e associazioni sportive. I dati sono forniti dall’ufficio ticketing del Comitato Organizzatore Napoli 2019. “Dopo appena quattro giorni effettivi di gare – esulta una nota – il bilancio delle presenze nelle Venue della 30ma edizione della Summer Universiade Napoli 2019 fa segnare un trend assolutamente positivo”. E se il calcio, ” in attesa degli scontri diretti e delle partite ad eliminazione diretta, ancora non è decollato in termini di presenze allo stadio, è il nuoto, trascinato dall’effetto Scandone, a far registrare numeri record”. Oltre 8mila i biglietti venduti fino ad oggi, “con una larghissima presenza di napoletani e campani ma anche tanti appassionati giunti da ogni parte d’Italia. Fino a mercoledì – giornata di chiusura del programma – previsto il sold out”.

Quasi 4mila, invece, i biglietti venduti per le gare di tuffi alla Mostra d’oltremare. In ascesa anche il dato relativo alla pallanuoto (4mila ticket staccati al botteghino), tra gli impianti di Caserta e Casoria. Circa 12mila le presenze complessive per il basket. “Sorprendente – sottolinea il Comitato Organizztore – il dato delle presenze al Palavesuvio riscoperto dopo gli imponenti lavori di riqualificazione. La ginnastica artistica è stata seguita in media da 1500 spettatori al giorno (dato che non comprende anche in questo caso le Promo Card che danno l’accesso gratuito), numero destinato a crescere con l’ingresso sulla scena delle Farfalle Azzurre e lo start del programma della ginnastica ritmica”. E per la scherma, al PalaUnisa di Baronissi, si contano 2000 biglietti venduti.

Condividi sui social network
  • gplus
  • pinterest