Parte domani il campionato di calcio a 5 dell’Alma Salerno

Prima sfida contro il Fuorigrotta al PalaTulimieri. Salta il progetto “PalaCilento”.

Per l’Alma Salerno, sono finite le gare amichevoli e le partite di coppa, adesso è giunto finalmente tempo di campionato. Da domani – con inizio alle ore 15 – la squadra di mister Gianfranco Bonito, dovrà fare sul serio. Il programma di questo campionato 2018/2019 prevede che la compagine salernitana disputerà la prima partita della competizione sul parquet del PalaTulimieri di Salerno, contro il temibile Fuorigrotta. Un avvio non semplice: il team partenopeo, sulla carta, è la squadra da battere, costruita per provare ad agguantare la promozione diretta in A2. Rispetto allo scorso anno, gli obiettivi della società salernitana sono leggermente cambiati ma i presupposti per portare a termine una stagione ricca di soddisfazioni ci sono tutti: «I ragazzi stanno lavorando bene – spiega il direttore generale dell’Alma, Antonio Peluso – Certo, per tanti motivi, siamo stati costretti a rivedere i nostri obiettivi. Scontiamo ancora, psicologicamente, il contraccolpo della scomparsa di Antonio Boccia ma, soprattutto in suo onore, ci teniamo a fare un buon lavoro. Manca ancora qualche tassello ma la squadra, sotto l’egida di mister Gianfranco Bonito e del preparatore Vincenzo Bergamo, sta facendo molti progressi, che sono stati ben visibili già nella partita contro il San Giuseppe». Quello di domani sarà un test importante contro il Fuorigrotta: «Loro puntano alla promozione diretta e hanno costruito davvero un’ottima squadra. Di questo siamo consapevoli ma noi non saremo da meno e faremo la nostra partita». Naufragata la possibilità di trasferimento presso il PalaCilento di Torchiara, l’Alma Salerno giocherà anche la stagione 2018-2019 presso la sua storica “casa”, il PalaTulimieri. «C’era un progetto serio e di prospettiva – spiega con un pizzico di amarezza il dg Peluso – Come accaduto per la partita di playoff dello scorso anno, avremmo dovuto giocare le gare interne di questo campionato presso il palazzetto di Torchiara. Accanto a questo, c’era l’intenzione di mettere su una scuola calcio e avviare degli stage al fine di far sviluppare il movimento giovanile di calcio a  5 sul nostro territorio. Il bacino di utenza era importante, come dimostrato dalle presenze durante la sfida dello scorso anno». Qualcosa, però, non è andato nella direzione sperata: «Purtroppo sono venute a mancare tutte le condizioni. Il palazzetto è stato dato in gestione a una società di pallavolo e, a causa di alcune sovrapposizioni di appuntamenti, la coesistenza sarebbe stata pressoché impossibile. Noi avevamo tutta l’intenzione di creare qualcosa di importante – prosegue Peluso – Era qualcosa che volevo fortemente, in prima persona, ma i presupposti sono caduti l’uno dopo l’altro. È un’occasione persa per l’intero territorio cilentano. Dispiace tantissimo ma è andata così».

Condividi sui social network
  • gplus
  • pinterest