Napoli, de Magistris: “De Luca non è un uomo di sinistra. Le mascherine all’aperto? Propaganda del “lanciafiamme”

Continua la battaglia politica tra la fascia tricolore partenopea e il presidente della Regione

Il sindaco di Napoli, Luigi de Magistris a tutto campo e in due interviste concesse a La7 e Mattino 5 non ha usato mezzi termini per attaccare il presidente della Regione, Vincenzo De Luca in merito all’esito del voto delle elezioni regionali e sull’ultima ordinanza che obbliga l’utilizzo delle mascherine anche all’aperto. ”Si parla tanto di 3 a 3 tra centrodestra e centrosinistra alle regionali ma io penso sia stato un 4 a 2 perchè se vedo i consiglieri regionali eletti in Campania con De Luca che sicuramente non è un uomo di sinistra sono quasi tutti consiglieri regionali di centrodestra. Non c’è un uomo di sinistra” – ha affermato il primo cittadino in un’intervista concessa a La7. De Magistris si riferiva ai diversi candidati eletti nella coalizione di De Luca che nella precedente legislatura erano stati eletti tra le file del centrodestra. L’ex Pm si è soffermato sull’ordinanza del presidente della Regione che ripristina l’obbligo di indossare la mascherina anche all’aperto sul territorio regionale. “Credo che la mascherina all’aperto è utile, obbligatoria se ci sono persone vicine, ma non quando cammini da solo o sulla spiaggia o di notte sul lungomare deserto anche perchè credo che la mascherina 24 ore su 24 non faccia un gran bene alla salute” – ha sottolineato de Magistris a Mattino 5. ”La preoccupazione dopo i viaggi dell’estate è aumentata anche in Campania dove – ha affermato il sindaco di Napoli – la bolla della propaganda del lanciafiamme è evaporata perchè si è capito che non era il tema. Gli italiani e dunque i napoletani e i campani devono capire che la prevenzione più alta è il distanziamento che credo sia la misura più efficace, poi la mascherina e l’igiene. Io – ha aggiunto – sono sempre perchè ci sia un punto di equilibrio che il presidente fa fatica a trovare”. De Magistris è tornato a sottolineare che ”in Campania si fanno pochi tamponi e su questo De luca tace anche se in questo momento la Campania è la regione con molti contagi ma si fanno pochi tamponi ed è così da otto mesi”

(foto Velia Cammarano ufficio stampa Comune di Napoi)

Condividi sui social network
  • gplus
  • pinterest