Napoli: arrestata per favoreggiamento Nadia Gisonna

La donna accusata di aver aiutato la latitanza di Guglielmo Cirillo, affiliato al clan Polverino

E’ stata arrestata e posta agli arresti domiciliari, questa mattina, la 37enne Nadia Gisonna, dai carabinieri del Comando Provinciale di Napoli. La donna ritenuta responsabile di favoreggiamento aggravato è stata arrestata a seguito di una misura cautelare, emessa dal Giudice per le Indagini Preliminari del Tribunale di Napoli su richiesta della Direzione Distrettuale Antimafia. La Gisonna è accusata di aver favorito la latitanza di Guglielmo Cirillo, affiliato al Clan Polverino. Grazie alle attività di intercettazione (telefoniche, ambientali e telematiche), ai servizi di appostamento, ad accertamenti documentali ed a sopralluoghi, incentrati per lo più su soggetti a vario titolo collegati al nucleo familiare del latitante ed alle persone a lui più fedeli, si è fatta piena luce sulle varie tappe della latitanza di Cirillo, e individuato, in Nadia Gisonna la persone che si era, più di tutti adoperata affinchè non venisse arrestato. Cirillo lo ricordiamo è stato scoperto e arrestato il 4 giugno 2018 all’interno di un appartamento di Domicella paese dell’avellinese.

Condividi sui social network
  • gplus
  • pinterest