Lago Miseno, sequestrata piattaforma mobile adibita a ristorante

L’ispezione ha consentito di rilevare che la struttura, dotata di motori ed avente una superficie di circa 140 mq, alla stregua di una imbarcazione, si sarebbe spostata all’interno del lago di Miseno senza rispettare le norme previste dal codice della navigazione

Le fiamme gialle della brigata di Baia, unitamente ai colleghi del reparto operativo aeronavale di Napoli, hanno eseguito un controllo nei confronti di una piattaforma mobile sulla quale era stato allestito un servizio di ristorazione e bar. L’ispezione ha consentito di rilevare che la struttura, dotata di motori ed avente una superficie di circa 140 mq, alla stregua di una imbarcazione, si sarebbe spostata all’interno del lago di Miseno senza rispettare le norme previste dal codice della navigazione. I finanzieri del reparto operativo aeronavale e del comando provinciale di Napoli hanno posto sotto sequestro una piattaforma mobile adibita a ristorante sulle acque del lago di Miseno. Nello specifico, sarebbe riscontrata l’assenza delle certificazioni necessarie per l’esercizio di tale attività nonché della figura del comandante e dell’equipaggio di bordo richiesti dalla vigente normativa, infine,  nei confronti dei numerosi clienti non sarebbe stato emesso alcun documento fiscale a fronte dei corrispettivi incassati e per questo sono in corso accertamenti allo scopo di ricostruire compiutamente il volume d’affari e gli elementi positivi di reddito sottratti al fisco. Il responsabile dell’attività è stato denunciato all’autorità giudiziaria per i reati di “abusiva occupazione di spazio demaniale”, “navigazione senza abilitazioni” ed “inosservanza di norme sulla sicurezza della navigazione” mentre la struttura, dal valore stimato di circa 400.000 euro, è stata posta sotto sequestro.

Condividi sui social network
  • gplus
  • pinterest