Chiaia, furto di scooter: due arrestati

L’uomo e la donna accusati, in concorso tra loro, del reato di furto aggravato

Sono stati notati e sorpresi in flagranza dagli agenti del Commissariato di Polizia “S. Ferdinando”, in Via Vittorio Imbriani. La Polizia di Stato stamane ha arrestato Luigi De Criscito di 32 anni, con pregiudizi di Polizia, ed Emma Trapanese, di 46anni. Erano nei pressi del liceo Umberto I. I poliziotti, infatti, a seguito della recrudescenza del fenomeno dei furti di motociclo, nei pressi degli istituti scolastici, hanno organizzato un mirato servizio nella zona.

La presenza del 32enne a bordo di uno scooter Honda, conoscendone i trascorsi giudiziari, ha insospettito non poco gli agenti.

Secondo la ricostruzione della polizia l’uomo, con la complicità della donna alla quale aveva affidato il suo scooter, si è avvicinato ad un motociclo Kymco, regolarmente parcheggiato e, approfittando che la proprietaria aveva lasciato, momentaneamente, le chiavi inserite, per sbrigare una commissione in un negozio lì vicino, è salito in sella ed è sfrecciato via.

Gli agenti subito hanno bloccato la 46enne, inseguendo De Criscito che, giunto a casa, distante solo 600 metri dal luogo del furto, avrebbe cercato di nascondere lo scooter appena rubato tra altri parcheggiati in strada.

La vittima, che non si era accorta di nulla, è stata rintracciata dai poliziotti, rientrando in possesso del suo motociclo.

De Criscito e Trapanese, entrambi arrestati perché accusati, in concorso tra loro, del reato di furto aggravato, sono stati condotti, rispettivamente, alla Casa Circondariale di Poggioreale e quella femminile di Pozzuoli.

Condividi sui social network
  • gplus
  • pinterest