Carcere Poggioreale, l’Osapp: “Serve più personale di polizia penitenziaria”

L’appello del vice segretario regionale del sindacato Luigi Castaldo

Carcere di Poggioreale, nuovo appello dal sindacato di polizia penitenziaria: “Serve personale”. “Pur se con grosse criticità il poco personale di Polizia Penitenziaria operante rispetta con zelo il proprio dovere – afferma Luigi Castaldo, vicesegretario regionale del sindacato Osapp-, con forte senso del dovere e spirito di abnegazione, ma dalle piante organiche mancano oltre 200 unità ed in questo travagliato periodo epidemiologico visti i contagiati in essere, la grave carenza si fa sentire maggiormente, costringendo molto personale al ricorso dello straordinario ed al rinvio di congedi per esigenze di servizio. Nonostante le forti misure preventive messe in campo sotto il profilo sicurezza, tra i primi istituti d’Italia a montare il termoscanner per il rilevamento della temperatura a tutti i poliziotti penitenziari ed a tutto il personale civile proveniente dall’esterno ed a utilizzare ogni forma di precauzione disponibile, la Sars-Cov-2 è riuscita a colpire asintomaticamente ed entrare all’interno silenziosamente ed invisibilmente”.
“Grazie all’equipe della sicurezza sui posti di lavoro – aggiunge -, capeggiata con forte senso di responsabilità e deontologia dal dott. Berdini Carlo direttore della casa circondariale e scientificamente seguita dal dott.Irollo Vincenzo dirigente medico competente, si è disposto un ferreo protocollo Covid-19 e stabilito un’unità di crisi interna che monitora attentamente tutti i casi di contagi e segnala le dovute mancanze. Grazie all’istituzione dell’unità di crisi ed in primo luogo in considerazione delle nuove dotazioni di DPI (63.500 mascherine di comunità per la popolazione detenuta – 116 visiere – 800 mascherine FFP2 (50 in giacenza, più 250 acquistate, più 500 provenienza Prap) per personale del Corpo in servizio presso il reparto Covid – 2.700 mascherine chirurgiche per il personale di Polizia Penitenziaria – 800 tute monouso – 56.000 paia di guanti in lattice) e grazie al coordinamento del Comandante di Reparto dirigente aggiunto dott. Diglio Gaetano ed ai suoi funzionari subalterni, si è provveduto alla concreta distribuzione del materiale al personale di Polizia Peniteziaria e alla popolazione detenuta”. Tuttavia per il vice segretario regionale Osapp Campania “la Sars-Cov-2 non ha fatto sconti a nessuno e tutto il sistema penitenziario sta riscontrando grosse criticità pur se sono state messe e saranno messe in campo ulteriori azioni di contrasto a questo maledetto virus, ma oggi più che mai in molti istituti penitenziari campani c’è necessità urgente di unità di Polizia Penitenziaria per continuare a contrastare questa pandemia”. Inoltre “strumentalizzare puntando il dito senza proporre soluzioni cercando di trovare capri espiatori, può solo determinare ulteriore clima di astio e stress lavorativo”.
Per Castaldo il messaggio del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella è chiaro: “è con spirito di solidarietà, patriottismo e collaborazione che vinceremo questa battaglia”.

Condividi sui social network
  • gplus
  • pinterest