Pippo Civati si dimette da segretario di Possibile – L’angolo sticazzi

Al convegno svolto oggi a Bologna, il fondatore comunica che, oltre a lui,  è dimissionario l’intero gruppo dirigente: cioè, quasi la stessa cosa

Un altro traumatico evento scuote l’universo della sinistra, dopo le dimissioni (respinte) di Fratoianni da segretario di Sinistra Italiana. Pippo Civati si dimette da segretario di Possibile. Possibile? Ma davvero un politico si dimette da qualcosa? Sì, l’impossibile può accadere quando parliamo di Possibile, il partito fondato dall’ex Pd Civati nel 2015, anno in cui gli iscritti sono 4.773. Nel 2016 scendono a 836. In pratica, meno di un condominio. “Non sono riuscito – ammette Pippo – a dare una speranza a questo paese”. Ma ancora più grave, è l’aver dato a questo paese Speranza con la maiuscola. Perché Civati è un trombato nelle liste di Liberi e Uguali, dove Possibile è confluito, ma ad essere eletto è Roberto Speranza, leader di Articolo 1. Al convegno svolto oggi a Bologna, Civati comunica che, oltre a lui,  è dimissionario l’intero gruppo dirigente: cioè, quasi la stessa cosa.

Condividi sui social network
  • gplus
  • pinterest