Non è di qua, thriller nel borgo irpino

Il romanzo di Maria Loreta Chieffo presentato oggi a Zungoli, luogo di ambientazione dell’opera vincitrice del premio nazionale Il Borgo Italiano

Il lavoro letterario, vincitore dell’ultima edizione del prestigioso Premio nazionale “Il Borgo Italiano” sarà presentato dall’autrice nella Sala Convegni del Convento di San Francesco dei Frati Minori del Comune avellinese oggi, domenica 18 marzo, alle 17. “Non è di qua”, il thriller di Maria Loreta Chieffo approda sul luogo del delitto, Zungoli, il borgo irpino nel quale è ambientato.  All’iniziativa, moderata da Nicola Mottola, prenderanno parte tra gli altri, oltre al sindaco di Zungoli, Paolo Caruso, lo studioso e cultore di letteratura italiana, Girolamo de Miranda. Previsto un intervento musicale dei maestri Carolina Dello Iacono (flauto), Gianfranco Brundo (sassofono) e Antonio Grande (chitarra). Le letture di brani significativi del romanzo saranno a cura di Maria Gabriella Tiné.

Maria Loreta Chieffo nasce a Zungoli e vive a Napoli dove lavora come dirigente scolastico. “Non è di qua” è il suo romanzo di esordio, risultato vincitore del Premio letterario “Il Borgo Italiano 2017”, cosa di non poco conto, soprattutto se ad avere vinto è un borgo dell’entroterra meridionale che, per quanto annoverato tra i borghi più belli d’Italia, resta ai più sconosciuto.

Zungoli è un piccolo centro dell’Irpinia con poco più di1000 abitanti, di quella parte d’Italia che inesorabilmente e non più tanto lentamente si va spopolando pur mantenendo caratteristiche di vita e peculiarità sociali auspicabili e sicuramente confacenti ad una vita gradevole. L’appartenenza all’associazione dei borghi più belli d’Italia ne garantisce il mantenimento di caratteristiche di vivibilità e non solo dal punto di vista architettonico.

Si tratta di quella parte d’Italia che perde inesorabilmente spazi e che giuste scelte politiche e piccoli investimenti di spesa restituirebbero alla godibilità di tutti costituendo anche probabilmente occasioni di interesse economico.

Condividi sui social network
  • gplus
  • pinterest