Temeva ritorsioni da parte dei familiari della minorenne: è finito ai domiciliari

CARINOLA – Nel dicembre 2014 aveva adescato, via internet, una 13enne, con la quale aveva poi consumato rapporto sessuale. L’adescatore, un 25enne di Carinola,  è stato colpito da un provvedimento di custodia cautelare agli arresti domiciliari, emesso dal G.I.P. del Tribunale  di Santa Maria Capua Vetere. A notificargli l’ordinanza sono stati i carabinieri del comando di Carinola, gli stessi che hanno svolto le indagini e presso i quali  lo stesso adescatore nel 2014, consapevole dell’abuso fatto, si era rivolto raccontando una sua versione dei fatti, poi risultata non veritiera. In particolare l’uomo, nel tentativo di crearsi un alibi, si era rivolto proprio ai carabinieri di Carinola asserendo di temere ripercussioni da parte dei familiari di una 13enne che aveva conosciuto e frequentato e con la quale aveva anche consumato un rapporto sessuale a seguito del quale temeva di averla messa incinta. Il racconto non privo di incongruenze ed il fatto stesso che vi fosse  coinvolta una minorenne ha indotto i militari dell’arma ad eseguire approfondimenti che hanno portato a scoprire che in effetti l’uomo, dal proprio computer di casa, aveva adescato la ragazzina su facebook e che si era più volte incontrato con la stessa. Durante uno di questi incontri si era poi consumato un amplesso senza che la stessa restasse incinta. I carabinieri, dopo aver raccolto inconfutabili elementi di colpevolezza nei confronti del 25enne hanno interessato l’Autorità Giudiziaria sammaritana richiedendo appropriato provvedimento che è puntualmente giunto.

 

Condividi sui social network
  • gplus
  • pinterest