Gomorra sempre da manuale, ma la sceneggiatura sembra meno fresca

Le opinioni dei lettori-fan della serie

Inutile negarlo, l’attesa era di quelle per “l’evento televisivo dell’anno”. Spinta non solo dal successo della passata edizione, ma anche da una massiccia campagna di marketing, “Gomorra 2 – La Serie”, ha preso ieri sera il via su Sky Atlantic.

Il massiccio sforzo produttivo è evidente (splendida la fotografia e la regia di Sergio Sollima), e la grande sapienza nelle scene di azione, accompagnate dalla musica dei Mokadelic, rendono lo spettatore partecipe di un prodotto confezionato quasi alla perfezione.

Quasi perché, almeno in queste due prime puntate, la sceneggiatura pare abbia perso la freschezza della prima serie e non giova, al momento, l’innesto di nuove figure femminili nell’impianto narrativo. Attenzione, non si discute l’interpretazione delle protagoniste, tutte eccelse, ma pare che ci trovi di fronte ad un impianto narrativo che patisco una sorta di ansia da prestazione.

Ma siamo ancora all’inizio. Ci aspettano ancora undici puntate. Vedremo.

Andrea Tutino

(Foto Sky Atlantic HD/Fb)

Condividi sui social network
  • gplus
  • pinterest