Doppio appuntamento musicale nell’area archeologica di Paestum

Di scena i concerti delle Orchestre plettri, etno-popolare e jazz e dell’Orchestra Regionale di Fiati

L’Area Archeologica dei Templi di Paestum, è pronta ad accogliere, mercoledì 5 giugno, il concerto delle Orchestre del Polo Regionale plettri, etno popolare e jazz dal titolo “Da Sant’Alfonso Maria de Liguori a Pino Daniele”. Il Polo Regionale, istituito per la diffusione della cultura coreutica, musicale e teatrale della Campania, riconosce nel Liceo Alfano I di Salerno la scuola Polo (individuata dall’USR Campania) per la realizzazione del progetto.
Aprirà il concerto l’Orchestra a Plettro diretta dal Maestro Michele de Martino (18 elementi) e composta da mandolini, mandole, chitarre ed un contrabbasso che suonerà celebri melodie napoletane arrangiate ad hoc per l’occasione dai maestri Salvatore Della Vecchia e Giorgio Mellone. Seguirà l’esibizione dell’ensemble etno-popolare (35 elementi) guidata dal Maestro Espedito De Marino che proporrà arrangiamenti di canzoni celebri come “Napule è” , “Quando” ed altre, del compianto bluesman napoletano. Chiuderà la kermesse l’Orchestra (23 elementi) guidata dal Maestro Sandro Deidda che rivisiterà in chiave jazz una serie di successi da Bennato a Carosone, da D’Angiò a Mattone.  Il giorno successivo toccherà all’Orchestra di Fiati diretta dal maestro Giovanni D’Auria, la più grande delle sette costituite dal Polo. Settanta gli elementi impegnati a suonare le dolci note dei valzer. L’ingresso è libero. Entrambi i concerti sono alle 20.
Monica De Santis
Condividi sui social network
  • gplus
  • pinterest