Al Festival di Musica da Camera il ritorno del Quartetto Dorico

Settimo appuntamento, domani alle ore 20, a Santa Apollonia

Ritorna domani alle ore 20 (ingresso libero) a Santa Apollonia, il Quartetto Dorico. Formatosi tra le mura del Conservatorio lo scorso anno, la formazione schiererà Rossella Giordano al pianoforte, Chiara Civale al violino, Francesca Senatore alla viola e Thomas Brian Rizzo al violoncello. La serata, che rientra nel festival di Musica da Camera, principierà con il Mozart dell’opera K493 in Mi Bemolle Maggiore, con la sua tersa cantabilità dei temi e l’acuta animazione drammatica. Il Quartetto rappresenta perfettamente la sintesi di questi due mondi opposti, quelli del dialogo drammatico e dell’introspezione interiore. Quest’esito non sarebbe stato così naturale senza la vicinanza delle Nozze di Figaro, prima compiuta affermazione del teatro di Mozart, sotto il cui segno, storico e artistico, questo Quartetto si pone. Tutto vi appare però come decantato. Nei tre movimenti si respira un’aria di matura consapevolezza, di fluente discorsività, di grazia ornamentale: anche le tensioni drammatiche, gli spunti appassionati e “romantici”, sono calati in un’atmosfera di raggiunta armonia espressiva e formale, di equilibrio superiore, in una parola classico. Il primo movimento (Allegro) è il più ricco di sostanza tematica e di espansività, con estese sezioni di calda effusione melodica e cantabile, in un clima di fondo lucido e sereno, senza ombre. La seconda parte della serata sarà dedicata all’esecuzione del Quartetto op.47 in Mi bemolle maggiore di Robert Schumann che mette in luce una dialettica tra la concezione autenticamente cameristica della scrittura e la sua virtuale proiezione orchestrale.

Condividi sui social network
  • gplus
  • pinterest