Il legale del governatore aveva chiesto alla Procura di potere ascoltare il suo assistito

NAPOLI – Il governatore della Regione Campania, Vincenzo De Luca, sapeva tutto dell’inchiesta che tra ieri e oggi sta provocando un vero e proprio terremoto a Palazzo Santa Lucia. Spunta infatti una lettera a firma dell’avvocato Vincenzo Carbone, difensore dello “sceriffo”, in cui lo stesso legale chiede ai titolare dell’inchiesta di potere ascoltare il suo assistito. Il procedimento in epigrafe è proprio quello relativo al giudice Anna Scognamiglio. La lettere inviata in procura è data 29 ottobre, quasi due settimane fa. E da quel giorno, sicuramente De Luca sapeva tutto sull’inchiesta esplosa in queste ore.

Condividi sui social network
  • gplus
  • pinterest