Russia, aereo militare precipita nel Mar Nero: tutti morti, a bordo coro dell’Armata Rossa

Il velivolo trasportava 93 persone ed era diretto in Siria.  Il capo del commissione Difesa: “Escludo totalmente la tesi dell’attentato. L’aereo apparteneva al ministero della Difesa russo ed è precipitato nello spazio aereo russo. Una simile tesi è impossibile”

Era scomparso all’alba subito dopo il decollo dalla città di Sochi mentre era in viaggio verso la base russa di Latakia, in Siria. E’ precipitato nel mar Nero l’aereo militare russo trimotore Tu-154 con 93 persone a bordo.  A bordo anche i 64 membri del Coro dell’Esercito russo, erede del Coro dell’Armata rossa. Tutti erano in viaggio verso la Siria per tenere un concerto in occasione del nuovo anno per le truppe russe dislocate nel paese mediorientale.  Il ministero della Difesa afferma che non ci sono sopravvissuti. Oltre al coro e a otto membri dell’equipaggio, sul volo erano presenti anche nove giornalisti, il responsabile del dipartimento culturale del ministero della Difesa Anton Gubankov, otto militari,  due funzionari civili e un’altra personalità, Elizaveta Glinka, conosciuta ome “Doctor Liza”, responsabile di un’associazione di beneficenza.

“Escludo totalmente la tesi dell’attentato. L’aereo apparteneva al ministero della Difesa russo ed è precipitato nello spazio aereo russo. Una simile tesi è impossibile” dichiara il capo del commissione Difesa del Senato russo, Viktor Ozerov, secondo cui l’incidente aereo potrebbe essere stato causato da un guasto tecnico o da un errore dell’equipaggio. Lo riportano i media russi.

 

(Video DjukiNew1957/Youtube)

 

Condividi sui social network
  • gplus
  • pinterest