Primarie day, la pioggia non ferma gli elettori. Ko i tablet e la app

Regolari operazioni di voto fino a ora di pranzo. Presidenti di seggio in difficoltà per la registrazione

NAPOLI – E venne il giorno delle primarie. Dopo giorni e giorni di campagna elettorale con il coltello fra i denti, dove sembrava si stesse consumando una lotta fratricida fra i tre candidati Pd – che Marfella, candidato socialista, si sarà pure un po’ messo da parte – da stamattina alle 8 e fino a stasera alle 21 i napoletani residenti potranno esprimere la propria opinione su quale vogliono sia l’avversario di de Magistris e Lettieri (e chissà chi altro) alle prossime amministrative. La pioggia, come si temeva, sembra non avere spaventato più di tanto gli elettori che si sono recati nei seggi predisposti dalla coalizione. Alle 13 tutto sembra ancora relativamente tranquillo. Gli unici problemi li hanno dati i tablet assegnati ai presidenti di seggio e la tanto famosa app. I primi numeri – quando mancano pochi minuti alle 13- dicono che il numero più alto di  votanti  si registra a Ponticelli (oltre 300) , a San Giovanni a Teduccio(306), all’Arci di Cavalleggeri di Aosta (360).

“Il dato dell’affluenza alle 12 si attesta intorno ai 7.000 votanti – dice la nota dell’ufficio stampa del Pd Nessun problema particolare da segnalare nello svolgimento delle operazioni di voto, ad eccezione delle difficoltà riscontrate in alcuni seggi con la connessione internet per l’utilizzo dei tablet”.

I quattro candidati hanno votato ai rispettivi seggi di appartenenza, immortalati da fotografi e telecamere – dopo aver puntualmente postato il loro commento su Fb o su Tw.

 

Condividi sui social network
  • gplus
  • pinterest