Neonato morto nella siepe, fermati genitori: coppia borghese del Salernitano

Il dramma di Roccapiemonte: Il padre 47enne in carcere, la madre 42enne piantonata in ospedale

Svolta lampo in provincia di Salerno, nelle indagini sulla morte di un neonato, il cui corpo è stato scoperto ieri sera sono al di sotto di una siepe a Roccapiemonte. Sono stati fermati i genitori del bambino, una coppia borghese. Lui 47 anni, agente di commercio, è ora in carcere a Salerno, 42 anni, invece, è piantonata in ospedale dai carabinieri. I due non hanno precedenti. Lo scenario è lontano dal cliché del degrado e dell’abbandono, rituale in storie simili. Intanto, la salma del piccolo è all’obitorio dove verrà eseguito l’esame autoptico per stabilire, innanzitutto, se sia nato vivo o morto. Un particolare che cambierebbe anche l’eventuale capo di accusa nei confronti dei genitori. Fonti degli investigatori rivelano che tutte le tracce portavano a loro, che risiedono nei pressi del luogo del ritrovamento.

Condividi sui social network
  • gplus
  • pinterest