Napoli, Abc assorbirà i 93 lavoratori Net Service

La delibera per l’assorbimento sarà approvata nei prossimi giorni

Abc, azienda speciale idrica del Comune di Napoli ha deciso di correre ai ripari e assorbire la sua controllata Net Service e i 93 dipendenti in organico. Stando ad alcune indiscrezioni trapelate dagli uffici di Via Argine, nei prossimi giorni  l’attuale commissario Sergio D’Angelo adotterà la prima delibera che legittimerà l’assorbimento e l’internalizzazione. Ai lavoratori Net Service, attualmente inquadrati con il contratto nazionale dell’edilizia, saranno applicate le normative e le regole del settore “Gas-Acqua”. In Abc, invece, saranno attivati esodi incentivati, ossia un po’ di pensionamenti. Entrambe le operazioni puntano a un risparmio economico: 4,2 milioni nel prossimo triennio.

La scelta aziendale sarebbe stata accelerata a seguito dei ricorsi presentati al Tribunale del lavoro da un consistente gruppo di lavoratori Net Service,  rappresentati dalla giuslavorista Giuliana Quattromini per contestare la revoca dei distacchi decisi dal precedente amministratore di Abc, Marina Paparo e ottenere il riconoscimento dell’interposizione di manodopera e il risarcimento economico.  Alcune udienze già sarebbero state fissate.

Dunque, il manager Sergio D’Angelo, riferimento della sinistra sociale partenopea ancora una volta ha dimostrato di affrontare una delicata vertenza sindacale con concretezza e sensibilità evitando di dare risposte ragionieristiche o assumendo comportamenti tecnocratici.

                                                                                                                                            Ciro Crescentini

 

Condividi sui social network
  • gplus
  • pinterest