Capri, corruzione: misure cautelari per due imprenditrici e un dirigente pubblico

Illegalità nel settore dei trasporti, perquisizioni della guardia di finanza

Corruzione per ottenere agevolazioni nella gestione del servizio trasporti sull’Isola di  Capri. Nei guai sono finiti  un dirigente della Città Metropolitana di Napoli(ex provincia) e due note imprenditrici che operano nel settore trasporti. I reati ipotizzati sono di corruzione per atti contrari ai doveri di ufficio e falso ideologico commesso da un pubblico ufficiale. Il nucleo di polizia economico-finanziaria della Guardia di Finanza provinciale ha dato esecuzione a un’ordinanza di applicazione di misure cautelari emessa dal Gip del Tribunale di Napoli.

Anna La Rana

 Obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria e interdizione dal pubblico ufficio per Giuseppe De Angelis,  dirigente di Città Metropolitana. Per Roberta Ramona Mazzarella(manager di Capri sightseeing), è scattato l’obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria e il divieto temporaneo di esercitare attività d’impresa. Nei confronti di Anna La Rana(amministratore unico della Sippic, la società che eroga il servizio di produzione, trasporto e distribuzione dell’energia elettrica per l’isola di Capri) è stato disposto il divieto di dimora nel Comune di Capri.

Condividi sui social network
  • gplus
  • pinterest