Il 69enne accusato di aver manomesso il contatore con un magnete

VICO EQUENSE – I militari hanno ispezionato su via Bonea il bar dell’uomo, rilevando la presunta manomissione del contatore dell’energia elettrica mediante l’apposizione di un magnete artigianale, che riduceva la registrazione dei consumi, stimati in circa 32mila euro. A Vico Equense i carabinieri della locale stazione con la collaborazione del personale dell’Enel hanno arrestato Aldo Fraddanna, 69 anni, del luogo. E’ accusato di furto di energia elettrica. Il controllo dell’Arma è scaturito da una richiesta dell’Enel, che in quella zona, negli orari in cui si registrano i picchi di maggior consumo elettrico, aveva notato un sensibile calo. Il magnete e il contatore sono stati sequestrati. L’arresto di Fraddanna è stato convalidato dal giudice. Il legale ha chiesto i termini a difesa e l’imputato è stato scarcerato in attesa della celebrazione del processo, la cui data deve ancora essere fissata. Sarà processato a piede libero.

 

Condividi sui social network
  • gplus
  • pinterest