Il 51enne aveva chiesto al sacerdote di anticipare il denaro per il regalo di nozze, rivelatosi una patacca

SANT’ANASTASIA – “Sono lo zio dello sposo di oggi, arriverà un messo a consegnare un orologio per mio nipote, pagatelo, poi appena arrivo vi do i soldi”.
E’ così che R.M., un 51enne napoletano, ha tentato di truffare un sacerdote di una Chiesa di Sant’Anastasia dove a breve si sarebbe celebrato un matrimonio.
Il 51enne aveva studiato bene la mossa, si era letto le pubblicazioni imparando nomi e proponendo anche aneddoti conosciuti della famiglia dell’”affezionatissimo” nipote.
Così aveva chiesto al sacerdote di ricevere il regalo e fare la sorpresa allo sposo, chiedendo la gentilezza di anticipare la “piccola” somma di 600 auro, poi appena arrivato alla cerimonia avrebbe risarcito con l’aggiunta di un’offerta per la Parrocchia.
Ma al sacerdote la cosa non è andata giù, tant’è che ha avvisato il comandante della locale Stazione dei Carabinieri.
All’arrivo del messo gioielliere infatti sono arrivati anche i militari e c’è voluto un attimo per capire che l’orologio era una patacca e il messo in realtà “lo zio” al telefono. I carabinieri hanno identificato il truffatore (un personaggio già noto proprio per reati simili) e lo hanno denunciato in stato di libertà.
Nel corso dell’intervento i militari di Sant’Anastasia hanno riscontrato tentativi di truffa simili anche in altre parrocchie della zona.

Condividi sui social network
  • gplus
  • pinterest