La 48enne è stata scoperta dalla polizia perché aveva usato una carta d’identità contraffatta

POZZUOLI – Il suo piano era quello di sfruttare la menomazione fisica causata da un vecchio incidente, per truffare una compagnia di assicurazioni. Il suo piano però è stato scoperto dalla polizia, che l’ha arrestata. Si tratta di una pregiudicata di 48 anni, che fingendo di essere stata vittima di un incidente stradale avvenuto nel 2013, stava per sottoporsi a una visita medica nello studio di un consulente del giudice di pace che avrebbe confermato i suoi danni fisici consentendole di intascare l’indennizzo. A sventare il piano è stata la polizia di stato, grazie a un controllo documenti: la donna ha consegnato agli agenti una carta d’identità palesemente contraffatta che ha fatto scattare i controlli e scoprire la verità. La donna è stata quindi bloccata e condotta agli arresti domiciliari: E.P. è ora in attesa d’essere giudicata, con rito per direttissima, per l’accusa di truffa.

Condividi sui social network
  • gplus
  • pinterest