Multa record, l’Ue stanga Google: 2,4 miliardi

L’accusa al colosso del web è di abuso di posizione dominante. Annunciato ricorso

Una multa record, la più alta mai comminata per abuso di posizione dominante e al di là delle aspettative della vigilia, quando si prevedeva una sanzione intorno al miliardo. La Commissione europea stanga Google con una multa da 2,42 miliardi di euro. Il colosso del web avrà 90 giorni per cambiare le sue pratiche commerciali, relative al servizio Google Shopping altrimenti sarà colpita da nuove multe pari al 5% del giro d’affari di Alphabet, la società madre che controlla tutte le attività di Google, per ogni giorno di violazione del giudizio europeo. Pochi minuti dopo l’ufficializzazione della decisione presa da Margrethe Vestager, commissario Ue alla Concorrenza, Menlo Park ha annunciato un ricorso presso la Corte di giustizia europea. “Quello che Google ha fatto è illegale – ha dichiarato Vestager- rispetto alle norme antitrust dell’Unione europea. Ha negato alle altre aziende la possibilità di competere nel merito e di innovare. E, cosa più importante, ha negato ai consumatori europei una scelta genuina di servizi e i pieni benefici dell’innovazione”.

Condividi sui social network
  • gplus
  • pinterest