Igiene urbana, domani la delibera: ok all’utilizzo di mille disoccupati Bros e Isola

Il Consiglio della Città metropolitana di Napoli discuterà e approverà il progetto “Campania più”: prevede l’attivazione di un piano di un piano triennale di riqualificazione

Come annunciato lo scorso 23 marzo da ‘Il Desk’, soluzione in vista per i disoccupati di lunga durata provenienti dai progetti formativi “Bros” “Isola”. Pronti i bandi e le procedure per l’utilizzo di mille dei 3300 ex corsisti. Domani il Consiglio dell’area metropolitana di Napoli, discuterà e approverà la delibera denominata “Campania più”. Tutte le forze politiche, della maggioranza e dell’opposizione, sarebbero orientate a garantire il voto favorevole. La delibera prevede l’attivazione di un piano di un piano triennale di riqualificazione. Un piano articolato in quattro azioni: interventi per la rimozione di rifiuti speciali abbandonati nell’ambito della Città metropolitana di Napoli, interventi per la riqualificazione e manutenzione straordinaria del verde stradale, vigilanza delle arterie stradali a più alto rischio di fenomeni di abbandono dei rifiuti, azioni di informazione al mondo delle imprese volte a promuovere l’utilizzo della forza lavoro già censita. Il piano triennale è coperto da un finanziamento complessivo di 50 milioni di euro provenienti dai fondi Poc Campania 2014-20. del valore complessivo di 50 milioni di euro (15 milioni per ognuno dei primi due anni derivanti dai fondi Poc Campania 2014-20). L’iniziativa è stata legittimata da un protocollo ‘intesa sottoscritto dal Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, Regione Campania e città metropolitana di Napoli. L’approvazione della delibera consentirà la pubblicazione dei bandi emessi con apposita procedura di evidenza pubblica. Bandi già predisposti. Le imprese aggiudicatarie sono obbligate ad assumere i disoccupati di lunga durata. Finalmente uno sbocco positivo una vertenza sociale che dura da oltre un decennio. La collaborazione istituzionale tra il Comune di Napoli e la Regione Campania ha funzionato, producendo primi risultati positivi.

Ciro Crescentini

Condividi sui social network
  • gplus
  • pinterest