La manifestazione domani. Il sindacato di base chiede maggiore informazione e sensibilità sulle tematiche del trasporto pubblico

La crisi della Ctp. L’Usb Trasporti Campania denuncia il “gravissimo stato in cui versa la storica compagnia di trasporto che dal lontano 1881, gestisce il servizio nelle aree extraurbane ed urbane di Napoli. La Società di Ponte dei Francesi – afferma il sindacato – nonostante il recente insediamento di nuove figure manageriali, notevoli sacrifici a cui sono state sottoposte le maestranze anche passando attraverso l’utilizzo degli ammortizzatori sociali, non riesce ad uscire da una profonda crisi finanziaria nella quale sembra essere caduta”. “Pur ravvisando pesanti responsabilità gestionali – prosegue la nota – legate alle precedenti amministrazioni, non possiamo, per onestà intellettuale, non prendere atto che, le dinamiche che si stanno creando dentro Ctp, sono le stesse che hanno portato, sotto un pesante effetto domino, quasi tutte le aziende di trasporto, locali e nazionali, sull’orlo del baratro. Tali dinamiche sono funzionali alla privatizzazione del comparto trasporti, eterodirette per condurre le aziende, rendendole artificialmente ‘asfittiche’ sul piano finanziario, al fallimento, potendo poi spacciare operazioni di privatizzazione per operazioni di salvataggio, di messa in sicurezza ( Alitalia docet), aggirando in questo modo, il risultato referendario che chiaramente respingeva la privatizzazione dei servizi pubblici essenziali: un gigantesco inganno. Il disegno rientra in una strategia di più ampio raggio perorata da Trojka e Governo centrale: privatizzare, privatizzare, privatizzare. E in Italia, privato non è sicuramente sinonimo di miglioramento”. Domani giovedi’ 25 febbraio alle 10 l’Usb organizza un presidio davanti alla Rai di Napoli per “chiedere maggiore informazione e sensibilità sulle tematiche del trasporto pubblico”. Venerdì 4 marzo alle 16 nella sala multimediale ” G. Nugnes” via Verdi, Convegno pubblico sul Tpl, in occasione del quale sarà lanciata l’iniziativa #savetpl.

Condividi sui social network
  • gplus
  • pinterest