Whirlpool, la rabbia degli operai di Napoli: bloccata l’autostrada

La Fim Cisl chiede al governo di approvare un decreto contro le delocalizzazioni aziendali

Gli operai dello stabilimento Whirlpool di Napoli hanno bloccato l’autostrada A3, Napoli-Salerno. Questa l’immediata reazione delle tute blu del sito produttivo di via Argine dopo il responso negativo dell’ennesimo vertice svoltosi questa mattina a Roma nel quale la multinazionale americana ha confermato di voler cedere alla svizzera Psr la fabbrica che ha sede nell’area Est del capoluogo campano. Vertice al quale hanno preso parte anche il presidente del Consiglio Giuseppe Conte e il ministro dello Sviluppo economico Stefano Patuanelli. Gli operai sono usciti dallo stabilimento e si sono diretti verso l’autostrada, all’altezza di San Giovanni a Teduccio, dove hanno paralizzato la circolazione veicolare in entrambi i sensi di marcia. La polizia ha provato a bloccare l’intenzione degli operai con alcune camionette, ma senza alcun risultato. Alla Whirlpool appena appresa la notizia dell’esito negativo dell’incontro tra azienda e governo, “è stato dichiarato sciopero ad oltranza nel sito di Napoli e si sta pensando l’occupazione della fabbrica e uno sciopero oggi in tutto il gruppo di due ore”. Lo riferisce la segretaria nazionale Fim Cisl Alessandra Damiani. “Sono ore drammatiche – riferisce la sindacalista – l’azienda sta mostrando un’irresponsabilità senza precedenti. Una bomba sociale pronta a esplodere e di cui Whirlpool è l’unica responsabile. Noi continueremo la mobilitazione, non lasceremo soli i lavoratori fino a che non otterremo un risultato che tuteli e salvaguardi i lavoratori del sito di Napoli e le loro famiglie. Chiudere una fabbrica come quella di Napoli è fare un regalo alla Camorra. Un presidio industriale è un presidio di legalità”.  La Fim chiede che “ora il governo metta in campo decreto anti-delocalizzazioni”.La scorsa settimana il Ministro Patuanelli ci aveva comunicato che entro 24 ore avrebbe incontrato l’amministratore delegato di Whirlpool La Morgia per verificare la consistenza del piano di riconversione e verificare le proposte, mentre il Presidente Conte ci disse che Whirlpool doveva solo comunicare gli ostacoli che impedivano il suo permanere a Napoli e rilanciare il sito. A questo punto ci chiediamo cosa si sia fatto in questi sette giorni”. “Oggi – prosegue – ci aspettavamo una verifica rispetto a quanto ci era stato detto dal Presidente Conte e dal ministro Patuanelli la settimana scorsa, ma è del tutto evidente che non è stato così. Nessuna apertura c’è stata da parte di Whirlpool per il sito di Napoli. Anzi, l’azienda ha rimarcato la sua posizione rispetto al sito campano confermando la procedura di cessione di ramo d’azienda, ex art.47 e la riconversione industriale. Procedura tra l’altro, scaduta il 12 ottobre scorso con effetto dal 1 novembre”. “Visto l’esito dell’incontro di oggi – conclude – ci chiediamo a cosa siano serviti questi sette giorni di attesa e perché il ministro Patuanelli non ha messo in essere il decreto anti-delocalizzazioni. Siamo di fronte all’ennesimo cambio di posizione dell’azienda che in questa vertenza non ha mai dimostrato alcuna affidabilità cambiando posizione più volte, rimettendo in discussione un piano industriale che con noi aveva sottoscritto a ottobre dello scorso anno e dimostrando, come è accaduto oggi, nessun rispetto delle istituzioni italiane, del sindacato e dei lavoratori”.

Condividi sui social network
  • gplus
  • pinterest